Frena la Fiorentina nel big match del San Paolo, che rilancia il Napoli di San Siro. Perentoria l’ascesa dei partenopei con Lorenzo Insigne, autore del sesto gol in A in questa stagione: record personale già battuto a ottobre. Accanto allo scugnizzo c’è il solito Higuain che raddrizza la partita dopo il lampo di Kalinic. Partita bella e intensa tra quelle che sono senz’ombra di dubbio le squadre più squadre di questo campionato. A braccetto con il Napoli, a quota 15, c’è il Sassuolo. I neroverdi stendono la Lazio e la agganciano in classifica, evitando che i biancocelesti raggiungano la Fiorentina in vetta alla classifica. Un passo indietro l’Atalanta, abbattutasi come un carro armato sul Carpi (splendido il gol di Gomez direttamente da calcio d’angolo). Lo stop dei Viola fa felice la Roma: tris dei giallorossi all’Empoli nell’anticipo e meno uno dalla vetta, aspettando il posticipo Inter-Juventus che potrebbe riconsegnare il primato alla squadra di Mancini. Piccoli passi avanti per il Milan, raggiunto dal Torino e tremante nel finale, e il Palermo. Un gol di Vazquez inguaia il Bologna e Delio Rossi. Rossoblù soli in fondo alla classifica e tecnico a rischio. Solo un punto per le veronesi: il Chievo si arrende al 93esimo al Genoa, al Verona non basta Pazzini per superare l’Udinese. Acuto del Frosinone contro la Sampdoria: uno-due stordente in tre minuti e blucerchiati al tappeto.

Risultati (tra parentesi gli assist)

ROMA-EMPOLI 3-1: 56’ Pjanic, 59’ De Rossi (Pjanic), 69’ Salah (Gervinho), 75’ Buechel (Pucciarelli) Ammoniti: Pjanic (R); Diousse (E)

TORINO-MILAN 1-1: 63’ Bacca (Bertolacci), 73’ Baselli (Belotti) Ammoniti: Bovo, Gazzi, Baselli (T); Diego Lopez, Romagnoli, Kucka, Bonaventura  (M)

BOLOGNA-PALERMO 0-1: 23’ Vazquez (Hiljemark) Ammoniti: Rizzo (B); Struna, Hiljemark, Rispoli (P)

ATALANTA-CARPI 3-0: 7’ Pinilla (Moralez), 43’ Gomez, 63’ Cigarini (rig) Ammoniti: Grassi (A); Fedele, Cofie, Bubnjic (C)

FROSINONE-SAMPDORIA 2-0: 53’ Paganini (Soddimo), 55’ Dionisi (Chibsah) Ammoniti: Blanchard, Dionisi (F); Zukanovic, Ivan, Moisander, Carbonero (S)

GENOA-CHIEVO 3-2: 1’ Paloschi (Meggiorini), 13’ Pavoletti, 17’ Gakpe (Laxalt), 77’ Pellissier (Mattiello), 93’ Tachtsidis (Ntcham) Ammoniti: De Maio (G); Castro, Pepe (C) Espulsi: Dzemaili (G)

NAPOLI-FIORENTINA 2-1: 46’ Insigne (Hamsik), 72’ Kalinic (Ilicic), 75’ Higuain (mertens) Ammoniti: Jorginho, Koulibaly, El Kaddouri (N); Badelj, Astori, Roncaglia (F)
C’è il Napoli nei piani alti della classifica. Maurizio Sarri si iscrive di diritto ai pretendenti per lo scudetto, anche se negherà all’infinito. Perché la sua squadra gioca una partita da grande contro la Fiorentina, prima in classifica e autrice di una prima metà di gara stratosferica per intensità e organizzazione tattica. Dopo la cinquina alla Lazio e i 4 gol rifilati al Milan come può ancora nascondersi? La vittoria arriva dopo una partita bella, da amanti del calcio anche se per 45 minuti le occasioni latitano. Poi, però, basta un lampo di quel genio della lampada qual è tornato Marek Hamsik. Lo slovacco colpisce a freddo, cinquanta secondi dopo l’intervallo: taglio per Insigne e tocco di prima dello scugnizzo. Sesto gol in campionato, San Paolo in fiamme. Anche perché da quel momento la viola vacilla a lungo. Callejon spreca ma è attento in difesa e la sua posizione – assieme a quella di Allan – incide sulla prestazione di Marcos Alonso dopo un avvio tutto birra del giocatore viola. Sousa si gioca la carta Ilicic e lo sloveno sembra in un primo momento far rimpiangere la scelta di lasciarlo fuori all’inizio. È suo il lancio per il pareggio di Kalinic mentre il Napoli sembra aver inserito il pilota automatico. Uno pari e tutto da rifare. Bastano pochi secondi, però. Proprio Ilicic tentenna a centrocampo, Mertens ne approfitta e mette Higuain davanti a Tatarusanu. Per l’argentino è un gioco da ragazzi. Il San Paolo impazzisce, più volte si va vicini al tris e la Fiorentina rallenta ma vede rafforzarsi le convinzioni riguardo il valore alto della rosa e del gioco impostato da Paulo Sousa. E’ però il giorno del Napoli. Scudetto sì o no? Certamente ha molte più speranze di tante altre squadre incensate in estate e nei primi 40 giorni di campionato.

SASSUOLO-LAZIO 2-1: 7’ Berardi (rig), 60’ Missiroli, 67’ Felipe Anderson (Keita) Ammoniti: Sansone (S); Lulic, Milinkovic-Savic, Cataldi, Mauricio (L)

VERONA-UDINESE 1-1: 41’ Pazzini (rig), 84’ Thereau Ammoniti: Marquez, Hallfredsson (V); Wague, Felipe (U)

INTER-JUVENTUS (18/10 ore 20.45)

Classifica (*una partita in meno)
Fiorentina 18
Roma 17
Inter 16*
Napoli 15
Sassuolo 15
Lazio 15
Torino 14
Atalanta 14
Chievo 12
Sampdoria 11
Genoa 10
Palermo 10
Milan 10
Juventus 8*
Udinese 8
Frosinone 7
Empoli 7
Verona 5
Carpi 5
Bologna 3