Ucciso perché rubava della frutta. E’ successo nelle campagne di Foggia dove un bracciante del Burkina Faso è stato ammazzato a colpi di fucile e un altro è rimasto ferito perché stavano rubando dei meloni. A sparare – hanno ricostruito i carabinieri  – sono stati i proprietari del terreno Ferdinando e Raffaele Piacente, padre e figlio di 65 e 27 anni. Al momento, i due sono in stato di fermo nel carcere del capoluogo pugliese, accusati di concorso in omicidio, tentato di omicidio e detenzione illegale di armi.

I due braccianti, in compagnia di un’altra persona rimasta illesa, sono arrivati nel campo e hanno caricato i meloni su una macchina. Prima di scappare, però, sono stati visti dai due agricoltori. E’ iniziata una rissa e Raffaele Piacente è stato colpito al naso. Il padre ha deciso quindi di prendere il fucile e sparare ai tre uomini che sono scappati a bordo dell’auto.

Il 65enne ha inseguito i tre e, dopo pochi chilometri, è riuscito a fermare l’auto e ha sparato di nuovo. Un colpo è stato fatale per Mamoudou Sare, 37 anni. Adam Kadago, colpito al petto, invece, è rimasto ferito. Attualmente è ricoverato in prognosi riservata agli “Ospedali Riuniti” di Foggia ma non sarebbe in pericolo di vita. Il terzo bracciante ha aiutato i carabinieri nella ricostruzione della vicenda.