E ora scatta la rivolta degli “impresentabili“. Vincenzo De Luca, Sandra Lonardo Mastella e Luciano Passariello, inclusi nella black list della Commissione parlamentare antimafia, annunciano querele contro la presidente Rosy Bindi. Ad aprire le danze è stato proprio De Luca, collega di partito della Bindi nel Pd: “Oggi ho presentato in Questura la denuncia a Rosy Bindi per diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali e abuso d’ufficio”, ha twittato il sindaco di Salerno appena eletto presidente, su cui pende però la spada di Damocle della sospensione ex legge Severino per una condanna in primo grado per abuso d’uffcio. “Quella di De Luca è una denuncia priva di ogni fondamento”, replica Bindi, “un atto puramente strumentale, che ha scopi diversi da quelli che persegue la giustizia e che pertanto non mi crea alcuna preoccupazione”.

Poi è stata la volta di Sandra Lonardo, moglie di Clemente Mastella, anche lei candidata – non eletta – al consiglio regionale della Campania: “Ho dato mandato ai miei legali di querelare l’on. Rosy Bindi per diffamazione e per attentato alla Costituzione”, fa sapere ricalcando i toni deluchiani. “La presidente della Commissione Antimafia ha abusato del suo ruolo istituzionale. Dovrebbe avvertire il dovere di dimettersi”.

E’ stato invece rieletto – nonostante il bollino rosso dell’antimafia – Luciano Passariello (Fdi-An), consigliere regionale uscente: “Presenterò una denuncia nei confronti dell’onorevole Rosy Bindi, presidente della Antimafia, per diffamazione, attentato ai diritti politici e abuso d’ufficio”, ha reso noto. “Sono stato inserito a 12 ore dal silenzio elettorale, in un elenco di cosiddetti ‘impresentabili’ in base a un codice di autoregolamentazione che la stessa Bindi ha violato. Non mi è stato dato tempo e modo di essere ascoltato e difendermi dalle accuse peraltro imprecise”.

Dai membri della Commissione arrivano le prime difese della presidente: “La denuncia di De Luca nei confronti di Rosy Bindi, oltre che un atto di grossolana volgarità, è una di quelle querele temerarie che il Parlamento si appresta a sanzionare come atti palesemente ritorsivi e intimidatori”, puntualizza il vicepresidente della Commissione antimafia Claudio Fava. “De Luca sa che il suo problema non è il lavoro scrupoloso della Commissione antimafia ma la legge Severino”, contrattacca. “La sua querela è un modo ridicolo per provare a distrarre l’opinione pubblica dall’unico fatto incontrovertibile: De Luca non è nelle condizioni giuridiche per governare la Campania”.

Davide Mattiello, commissario Pd proveniente da Libera di don Ciotti, va oltre: “De Luca denuncia la Bindi? Allora denunci anche me. Perché mi sento politicamente e moralmente corresponsabile degli esiti del lavoro fatto sulle liste”. Mattiello sottolinea che la Commissione parlamentare “ha agito sulla base della legge istitutiva e in coerenza con il codice di autoregolamentazione approvato all’unanimità a settembre. Insomma: ha fatto il suo dovere”. Per il senatore Pd Miguel Gotor, ospite a Otto e messo su La7: “Nella denuncia di De Luca alla Bindi manca solo l’imputazione di lesa maestà! De Luca ha querelato per nascondere il problema della sua illegittimità ma come sappiamo ora dovrà decadere e si aprirà un iter giudiziario. É uno spettacolo poco decoroso, che il partito avrebbe dovuto evitare. Piuttosto, il Pd avrebbe dovuto adeguare il codice etico alla Legge Severino” aggiunge. Nel Pd non tutti fanno quadrato: “Gli errori che l’Antimafia e la sua presidente Rosy Bindi hanno compiuto su questa vicenda degli impresentabili, vanno discussi politicamente, non in un aula di tribunale” commenta il capogruppo del Pd in Commissione Antimafia, Franco Mirabelli.

Parla di “velata minaccia” Valeria Ciarambino, candidata alla presidenza della Regione Campania per il Movimento 5 Stelle: con l’azione di De Luca “la Commissione antimafia viene messa in una posizione assurda”, afferma. “La leggo come una sottile minaccia: voi dite che sono impresentabile, io vi querelo”. La scorsa settimana i Cinque Stelle hanno presentato un esposto alla Procura di Salerno “contenente tutta la documentazione relativa a De Luca che ne attesta l’ineleggibilità e d’altra parte c’è una sentenza delle sezioni riunite della Cassazione che parla di sospensione ex lege togliendo la discrezionalità su modi e tempi. Non c’è necessità di procrastinare”.

Ma quali sono le basi giuridiche di queste denunce? Secondo fonti vicine a De Luca, interpellate dall’Ansa, nel momento in cui il presidente della Commissione Antimafia ha reso pubblica la lista dei cosiddetti politici impresentabili ha determinato un danno d’immagine, andando oltre i compiti assegnati dalla legge alla Commissione e ha influito sulla formazione della volontà popolare. Secondo l’entourage di De Luca, la Commissione avrebbe dovuto limitarsi a una funzione consultiva rispetto alla compilazione delle liste, senza pubblicizzare elenchi.