Una lettera aperta in cui annuncia di non potere più pagare le tasse, una foto condivisa su Facebook che è diventata presto una campagna virale con tanto di hashtag: #iononmiammazzo. Così da Scordia, in provincia di Catania, Pippo Barresi ha lanciato la sua battaglia. “Non intendo essere un evasore, ma tra non pagare folli e inutili tasse e ridurre alla fame la mia famiglia, scelgo la prima opzione” dice Barresi, gestore di un chiosco bar nel centro di Scordia, che qualche giorno fa, stremato dal peso delle imposte sui conti della sua attività ha deciso di prendere carta e penna e scrivere una lettera aperta. “Dichiaro apertamente di non riuscire più a pagare, con i miei incassi, tutte quelle tasse che lo Stato mi chiede. Mi appello ai principi dello stato di necessità e della capacità contributiva proporzionale al proprio reddito, stabiliti rispettivamente dagli articoli 54 del codice penale e 53 della Costituzione, per legittimare il mio rifiuto categorico di continuare a contribuire, attraverso le tasse, alle spese per il mantenimento dei privilegi della classe politica che ci governa, vera protagonista di questa crisi economica”.

Poi la definizione delle due norme citate: l’articolo 53 della Costituzione, che disciplina come tutti siano “tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”, e l’articolo 54 del codice penale, che stabilisce il cosiddetto stato di necessità: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona”. In poche ore la lettera di Barresi, con tanto di selfie con l’hastag #iononmiammazzo, ha fatto il giro del web, raccogliendo migliaia di adesioni di piccoli commercianti che come lui non riescono ad arrivare alle fine del mese. “Tassa dopo tassa – continua la lettera aperta – i governanti ci hanno portato allo stremo e oltre, spesso inducendoci a pensare seriamente al suicidio. Questa è l’accusa maggiore che faccio ai nostri governanti: induzione al suicidio”. “Come mi è venuta l’idea? Semplicemente non riesco più a sopravvivere – spiega Barresi al fattoquotidiano.it – Ma non è solo un problema mio: pensiamo ad un povero pensionato che percepisce 560 euro al mese, e deve pagare una bolletta da 300 euro: come deve fare? Non mangia per un mese? Siamo in una situazione catastrofica: stanno uccidendo tutte le piccole attività, ci spingono ogni giorno di più verso il suicidio. Io non intendo arrendermi: devo pensare alla mia famiglia, a mio nipote. Non chiuderò la mia attività: continuerò a lavorare 14 ore al giorno, ma per far sopravvivere la mia famiglia, non per pagare con le mie tasse i privilegi di una classe politica che pensa alla Tav, alle pensioni d’oro, ai maxi stipendi, e ci usa come bancomat. Adesso basta”.

E mentre in rete l’appello di Barresi è ormai diventato virale, sul territorio l’esercente di Scordia è diventato un punto di riferimento per i tanti piccoli commercianti ed esercenti ridotti allo stremo. “Cerchiamo di organizzarci, di tenere duro. Anche se la classe politica non ci ascolta, dovrà prima o poi misurarsi con la gran parte dei cittadini ridotti allo stremo. Io non ho ancora ricevuto alcuna cartella, fino ad oggi ho sempre pagato tutto, ma il giorno in cui verranno per farmi chiudere l’attività sarò lì a combattere. È come se la mia famiglia fosse minacciata da una belva feroce. Solo che quella belva è lo Stato”.