Renzi impone una riforma del Senato contro la democrazia. Fermiamolo”. Beppe Grillo sul blog lancia la sua iniziativa contro la riforma del Senato prevista dal ddl Boschi e pubblica un volantino di due pagine, scaricabile in pdf. Elenca alcuni dei punti del testo governativo che M5s non condivide e a fronte presenta le controproposte. “La casta si preserva, i diritti dei cittadini vengono calpestati – si legge online – Vogliono imporre i senatori imposti dalla politica. Senatori selezionati dai consigli regionali e sindaci che così dovranno svolgere un doppio incarico depotenziando entrambi i ruoli. Il 75% degli italiani chiede di votare i senatori. Renzi e Berlusconi li vogliono fare eleggere dalla casta”. 

Il Movimento propone che i senatori siano direttamente eletti dai cittadini, il dimezzamento dei parlamentari da 945 a 473 e la riduzione delle indennità dei parlamentari “misurata sul reddito medio dei cittadini”. E ancora l’impossibilità per i condannati di candidarsi alle politiche, l’abolizione dell’immunità, niente quorum per i referendum abrogativi e la soglia delle 40mila firme per le leggi di iniziativa popolare. Infine, il rispetto del bilanciamento, data la riduzione di senatori e deputati, per eleggere Presidente della Repubblica e Csm.