Uno sfogo all’uscita della riunione del gruppo a Palazzo Madama e critiche verso le ultime decisioni del Movimento 5 stelle. E’ quanto è bastato alla senatrice Serenella Fucksia per essere sfiduciata nel giro di poche ore dalla pubblicazione dal meetup di Fabriano (Ancona). Le sue parole, raccolte in un video esclusivo de ilfattoquotidiano.it, hanno portato gli attivisti a scrivere un comunicato, poi pubblicato sulla pagina Facebook, in cui prendono le distanze dalla parlamentare: “Il gruppo”, si legge, “si dissocia in maniera netta e decisa dalle dichiarazioni e dall’atteggiamento tenuto dalla portavoce nel video pubblicato da ‘ilfattoquotidiano.it’. In maniera particolare non possono essere accettate le illazioni lanciate sul caso dell’ipotizzato avvio della procedura di espulsione del senatore Pepe e l’accusa di incompetenza rivolta agli altri senatori del gruppo. Nelle sue parole c’è un assoluta mancanza di rispetto per il lavoro dei portavoce e dei migliaia di attivisti sparsi su tutto il territorio”. E si conclude specificando che: “Non saremo noi a chiedere la sua espulsione, non saremo noi a darle questa soddisfazione. Deve essere però chiaro che da questo momento noi riteniamo che la Fucksia non possa essere considerata più una portavoce, concetto che comunque le è stato estraneo da sempre avendo fatto mancare totalmente il contatto con il territorio ed essendosi da sempre espressa unicamente su posizioni personali”. Serenella Fucksia è diventata famosa anche per alcune dichiarazioni spesso contestate: dalla condanna alla legge sull’aborto (era febbraio 2013 e la senatrice era semplicemente candidata alle elezioni) fino alla battuta sugli attacchi al ministro Kyenge (“Il ministro come un orango? Ci sta. Tutti assomigliamo ad animali”). “Il meetup di Fabriano”, commenta a ilfattoquotidiano.it la deputata grillina e compaesana Patrizia Terzoni, “è compatto nella presa di distanza. Già a giugno 2013 avevamo dovuto prendere le distanze con un comunicato ufficiale. Abbiamo più volte cercato la mediazione, ma non è servito. Adesso la misura è colma”.

La risposta di Fucksia: “Mie parole solo uno sfogo. No comment su chi getta veleno”
“Meglio una parola in più o in meno? Immagino dipenda dalle situazioni e che il giudizio sia sempre opinabile”. Ieri dopo l’assemblea dei senatori M5S “qualche parola sopra le righe c’è stata”, ma “il diritto ad arrabbiarsi credo sia legittimo e nelle assemblee capita di discutere e a volte di esagerare. Aggiungo, magari fossero tutti questi i problemi!”. Lo scrive su Fb Serenella Fucksia, la senatrice M5S sfiduciata dal meetup di Fabriano, commentando quanto accaduto”. Al riguardo, “nessun commento – aggiunge – su chi oggi ha colto l’occasione di uno sfogo spontaneo e soprattutto parzialmente rubato per gettar veleno e fare polemiche vuote”. Nel post, Fucksia si scusa con la collega Nunzia Catalfo per un diverbio avuto in riunione. “Ci tengo a scusarmi con Nunzia – scrive – collega ed amica, non volevo mettere in discussione la sua professionalità ed il suo impegno! Scusa Nunzia le parole di troppo! La vediamo diversamente su tante cose, ma dopo aver lanciato fulmini e saette, ci ritroviamo solitamente sempre a sorridere con rispetto reciproco”. “Nè io, nè lei – aggiunge – abbiamo ovviamente la verità in tasca, per cui credo che aprire il dibattito su alcuni temi importanti ad un più ampio raggio e ad un maggior numero di soggetti coinvolti, possa essere solo positivo. Questa l’origine del mio disappunto di ieri in assemblea, durante la quale chiedevo una discussione approfondita sui temi del lavoro”.

La seconda sfiducia in due giorni. Pepe: “Darò battaglia”
E’ la seconda sfiducia in due giorni per un senatore del Movimento 5 stelle. Dopo le quattro espulsioni e le cinque dimissioni (poi risolte con espulsione decisa da Beppe Grillo e lo staff), sono in due ora a Palazzo Madama a rischiare l’allontanamento dal gruppo. Un regolamento di conti interno che rischia di portare a una riduzione ulteriore del numero di parlamentari in Senato. “Attendo sereno”, dice il senatore Bartolomeo Pepe, sfiduciato nelle scorse ore dal meetup di Napoli, “la decisione dell’Assemblea e in quella sede non soltanto mi difenderò, ma proporrò anche alcuni spunti di riflessione. I colleghi sappiano che non mi consegnerò senza lottare“. Anche nei confronti del senatore napoletano potrebbe avviarsi a breve la procedura di espulsione. Ma per Pepe si tratta di una operazione ordita da alcuni colleghi. “Occorre chiarire immediatamente: non gli attivisti, ma Roberto Fico e Wilma Moronese hanno deciso di sfiduciare Bartolomeo Pepe. La vicenda è oggi all’ordine del giorno nel mio gruppo parlamentare e ha suscitato l’indignazione dalla collega senatrice Fucksia, che ringrazio per la sua schiettezza”. E conclude: “Sono reduce da una serata trascorsa con gli attivisti campani che mi hanno assicurato il loro sostegno per l’attività da me svolta in Parlamento e sul territorio, attività che ho compiuto al prezzo di sacrifici personali ed economici non indifferenti. Ho il legittimo sospetto che la mia azione pragmatica sia diventata troppo popolare agli occhi dei cittadini, e pertanto, si sia pensato di interromperla utilizzando l’arma della disinformazione. Tutto ciò contraddice la regola e lo spirito del M5S, ovviamente, ma in questi giorni sembra che il nostro gruppo sia votato all’autodistruzione. Valuterò con calma se adire le vie legali nei confronti dei denigratori di professione”.

L’ex M5s Campanella incontra Favia
Intanto i fuoriusciti pensano a come riorganizzarsi. I senatori Romani e Bencini continuano convinti nell’intenzione di lasciare il Senato e tornare a casa. Ma qualcuno sta pensando alla nascita di un nuovo gruppo. Nelle scorse ore si sono incontrati l’ex M5S Francesco Campanella e Giovanni Favia, consigliere comunale di Bologna e tra i primi espulsi dal Movimento di Grillo e Casaleggio. Campanella era solo, mancavano all’appuntamento gli altri tre senatori espulsi assieme lui: “Tanto per noi vale il motto ‘uno per tutti, tutti per uno’, non mi pare il caso di rispolverare l’’uno vale uno di Grillo”, ironizza con l’Adnkronos il senatore siciliano. “I contatti ci sono – spiega Campanella – con Favia ma un po’ a tutti i livelli, dagli attivisti agli eletti. Non nascondo – spiega – che vorremmo costruire e lavoriamo a un Movimento degrillizzato, fuori e dentro il Parlamento. Sono in contatto con varie realtà in tutta Italia, quelle che riesco a raggiungere”.