Ha convinto una madre minorenne a vendere il figlio appena partorito per 25mila euro ed è stato arrestato. Andrea Cozzolino, un ginecologo di Scafati, in provincia di Salerno, è finito in manette con l’accusa di aver fatto da tramite tra una ragazza e una coppia di coniugi, nella vendita di un neonato.

Nei confronti della coppia che ha acquistato il bambino, Elio Miranda e Carmela Giordano, residenti in provincia di Salerno, la Procura di Santa Maria Capua Vetere ha disposto l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. La posizione del ginecologo, che era in servizio nelle cliniche convenzionate “S. Anna” di Caserta e “Santa Lucia” di San Giuseppe Vesuviano (Napoli), si fa sempre più pesante. Dalle indagini è emerso che il medico eseguiva aborti anche oltre i termini consentiti dalla legge 194. Ed è proprio per questo che era stato contattato dalla giovane.

La minorenne si era presentata nella clinica “S. Anna” chiedendogli di interrompere la gravidanza. Di fronte alla richiesta di 6mila euro avanzata dal medico, la minorenne aveva fatto presente la sua condizione di difficoltà economica. Il dottor Cozzolino l’aveva allora convinta a partorire in quella struttura, promettendole aiuto per disfarsi del bambino ed evitare il riconoscimento del figlio. Il ginecologo aveva in realtà “promesso” ad una coppia della provincia di Salerno, aspiranti genitori, di procurare loro un bambino in cambio della somma di 25mila euro.

Le indagini della squadra mobile della questura di Caserta sono partite dopo una segnalazione della madre naturale a un centro anti-violenza di Santa Maria Capua Vetere, dopo che si era accorta che il bambino venduto alla coppia risultava inserito nello stato di famiglia dei propri genitori. Per questo aveva presentato una denuncia. Ma il dottor Cozzolino l’aveva tranquillizzata, assicurandole che il bambino sarebbe stato riconosciuto dai nuovi genitori. La direzione della clinica “Santa Lucia”, estranea alla compravendita, aveva però comunicato al Comune di residenza della madre vera i dati anagrafici del neonato. La madre del neonato, che ha ottenuto che il bimbo fosse tolto alla coppia che l’aveva acquistato ed affidato ad una casa famiglia, è indagata per violazione della legge sull’ adozione e l’affidamento dei minori. Nei suoi confronti la Procura di Santa Maria Capua Vetere non ha chiesto l’adozione di misure cautelari.