“Rischio di contaminazione batterica pericolosa”. Con questa motivazione in 19 paesi di tutto il mondo viene disposto il ritiro immediato del farmaco utilizzato per vaccinare i neonati. Si tratta di Infanrix Hexa, prodotto dalla multinazionale GlaxoSmithKline e utilizzato anche in Italia: è comunemente chiamato “esavalente”, perché protegge i bambini (con tre iniezioni all’età di tre, cinque e undici mesi) da sei malattie: difterite, tetano, poliomelite, epatite b, haemophilus b e pertosse. Infanrix, appunto, è il farmaco somministrato dalle Asl italiane per l’adempimento dell’obbligo vaccinale (in realtà contiene 6 antigeni e non solo i 4 fissati dalla legge). La notizia del richiamo di questo farmaco non è stata diffusa nel nostro paese attraverso canali ufficiali, perché l’Italia non fa parte degli stati in cui è in atto il provvedimento. Ma l’articolo che per primo ha denunciato il maxi ritiro, pubblicato dal farmacologo Roberto Gava sul sito informasalus.it, ha scatenato il panico di molti genitori che lo hanno postato su facebook (oltre 10mila condivisioni in una giornata) riaprendo discussioni sulla sicurezza, l’utilità e i rischi delle vaccinazioni pediatriche.

Spagna, Francia, Germania, Gran Bretagna, Canada, Belgio, Olanda, Grecia, Repubblica Ceca. Ma anche Slovacchia, Albania, Australia, Malaysia, Vietnam, Qatar, Romania, Libano, Brasile, Malta. Ecco tutti i paesi in cui sono stati richiamati d’urgenza alcuni lotti ‘a rischio contaminazione da bacillus cereus’. “Perché in Italia non succede nulla, né il ritiro, né una comunicazione ministeriale?” La domanda posta provocatoriamente da Gava (autore di molti saggi contro l’obbligo vaccinale e sui danni da vaccino), viene ripresa da chi si preoccupa per i rischi che corrono i figli vaccinandosi: le Asl hanno ricevuto centinaia di telefonate da parte dei genitori che volevano essere rassicurati e pretendevano di sapere quale lotto del farmaco è stato utilizzato per vaccinare il proprio bambino. Stesso destino per il call center della Glaxo.

L’ufficio stampa del ministero della Salute, contattato da ilfattoquotidiano.it, ha risposto con una breve nota scritta: “In alcuni Paesi la Gsk ha proceduto ad un ritiro cautelativo di alcuni lotti di vaccino Infanrix Hexa avendo individuato un problema nella catena di produzione. I controlli fatti sui lotti ritirati hanno avuto esito favorevole. L’Italia, in ogni caso, non è interessata dal problema, perché i lotti in questione non sono stati commercializzati in Italia. Si sottolinea che il ritiro non è stato disposto dalle autorità (dei paesi interessati) a seguito all’emergere di problemi (ad esempio aumento delle reazioni avverse per quel vaccino), ma direttamente dalla ditta produttrice per controllarne la qualità: questo a testimoniare l’alto grado di attenzione che anche i produttori di vaccini dedicano ad essi”. Insomma, a ritirare il farmaco non sono stati gli Istituti di sanità, ma direttamente la GlaxoSmithKline.

Dove vengono prodotti questi farmaci? A quali controlli vengono sottoposti? Perché in alcuni paesi si provvede al ritiro e in altri no? E il vaccino ritirato è già stato utilizzato sui bambini? Con quali conseguenze? Visto che il ministero nella sua nota ha fatto riferimento esclusivamente all’azienda produttrice, ilfattoquotidiano.it ha girato le domande direttamente alla Glaxo. A rispondere è Massimo Ascani, capoufficio stampa Gsk: “Per quanto riguarda l’Europa, i vaccini sono prodotti tutti in Belgio, sono quindi infondate le voci che parlano di lotti prodotti anche in Italia. Si tratta di prodotti biologici con una serie di controlli fatti prima e durante la produzione, sia dall’azienda, sia – successivamente – dalle autorità sanitarie del Belgio in quanto paese produttore. Il nostro paese non ha ricevuto questi lotti, non aveva senso richiamarli”.

Ma se i controlli sono così rigorosi, come può accadere che i vaccini vengano spediti e poi richiamati dopo settimane? “Sgombriamo subito il campo da un equivoco”, risponde Ascani: “I controlli fatti in tutti i paesi che hanno commissionato il vaccino sono risultati del tutto in linea con gli standard. Quei vaccini sono sicuri. E’ l’azienda che riscontrato dei dati non conformi nel ‘diario di produzione’ interno. Siamo noi che facciamo richieste di ritiro”. Una risposta analoga a quella data dal ministero italiano. Se il vaccino è considerato sicuro, da dove salta fuori il rischio contaminazione? “Dai paesi in cui il farmaco è stato ritirato non c’è stata nessuna rilevazione di effetti avversi. Cioè, nessun bambino ha subito danni. Ma vogliamo metterci al riparo da qualunque rischio, perché rivedendo appunto tutto il diario di produzione abbiamo trovato tracce del batterio potenzialmente pericoloso”.

Insomma, il ministero minimizza, l’azienda assicura che si tratta semplicemente di una procedura autonoma (a sue spese) per evitare ogni minimo rischio. E tutti concordano sul fatto che per l’Italia non c’è alcun motivo di preoccuparsi. Ma Gava, nel suo articolo-denuncia, solleva il problema delle comunicazioni ufficiali: “Cioè, il vaccino va benissimo e soddisfa tutti i requisiti di ottima qualità…eppure l’hanno fatto ritirare immediatamente. È difficile comprenderne il motivo. Vogliamo informazioni certe sulla sicurezza di questi farmaci dal ministero”.