Mattoni bianchi “da tamponamento” e calcestruzzo e l’ingresso della sede di Equitalia finisce murato. E’ successo nel pomeriggio a Livorno. Un’azione dimostrativa di almeno una decina di persone, sulla quale stanno ora indagando i carabinieri. Tuttavia nessuno sembra aver visto niente finché non si è insospettito il portiere di un edificio a fianco di quello in cui si trova l’agenzia di riscossione. A quel punto il gruppetto, che era arrivato trasportando tutto il necessario con dei carrelli di un supermercato, si è allontanato. Tutto registrato dagli stessi autori del “blitz” e pubblicato su youtube.

All’interno degli uffici, peraltro, si trovavano anche alcuni impiegati (l’ufficio era chiuso al pubblico), ma non hanno notato niente di strano, anche perché stavano lavorando al primo piano. Stando alle prime ricostruzioni dell’Arma e dei testimoni i muratori improvvisati avrebbero agito in pochi minuti, arrivando ad alzare tre file di mattoni.

All’esterno della sede di Equitalia – oltre all’attrezzatura utilizzata per alzare il muretto – è stato trovato anche un piccolo manifesto, attaccato a una ringhiera, che promuove una manifestazione in città per sabato prossimo proprio contro la società di riscossione: “Ribellarsi per non suicidarsi, in piazza contro Equitalia”. 

Una forma di protesta, insomma, poi “rivendicata” dal comunicato di un gruppo chiamato “Ex Caserma Occupata”, nato dopo l’occupazione, per l’appunto, di una caserma della polizia dismessa da tempo come protesta contro l’emergenza abitativa.  “Chiudi la porta a Equitalia – si legge nel comunicato – Oggi precari e disoccupati sull’orlo di una crisi economica e nervosa, prima di suicidarsi hanno deciso di lottare per i loro diritti, pacificamente e simbolicamente con un’azione goliardica”

“Nonostante sia sempre più difficile sopravvivere alla ‘crisi’ – aggiunge il manifesto – basta un piccolo ritardo o una cartella non pagata per rimanere indebitato a vita, mentre chi evade le tasse per milioni di euro ha la possibilità di “adeguarsi” pagando una percentuale irrisoria”. Quindi l’imperativo diventa: “Chiudere Equitalia subito!”. 

Non è la prima volta che la sede di Equitalia di Livorno (che si trova in centro, non lontano dalla zona pedonale) è presa di mira da episodi di contestazione. Il più recente è stato anche il più grave. A maggio due bottiglie molotov furono scagliate contro l’ingresso e le fiamme danneggiarono l’esterno della sede. L’inchiesta ha poi portato alla denuncia di 9 ragazzi, tutti molto giovani. A gennaio, invece, il direttore dell’agenzia ricevette una lettera con un proiettile 7,65. In quel caso, tuttavia, sembrò più un gesto isolato: tra le altre cose definiva il recapito della pallottola come un avviso e precisava esplicitamente la lontananza da qualsiasi ideologia anarchica. Anche per questo motivo nella zona ci sono molte telecamere di sorveglianza.