Su Flavio Briatore pende l’accusa di contrabbando e violazione delle accise. In sostanza, di avere evaso l’Iva sul carburante del suo Yacht Force Blue. Nella primavera 2011 proseguono le indagini della Procura di Genova, ma l’imprenditore della Formula 1, preoccupato, decide di rivolgersi a Silvio Berlusconi per chiedere protezione. Spiega all’ex premier che i giudici lo stanno “perseguitando” e il Cavaliere, molto comprensivo, risponde: “Ti capisco e chi più di me ti può essere vicino. Prima o poi mando gli ispettori, a Genova”. 

Sono queste le frasi intercettate che compaiono nelle conversazioni telefoniche finite agli atti dell’inchiesta sul presunto scandalo della mega-barca di Briatore, riportate oggi dal Secolo XIX. Parole che ancora una volta ricordano la “lotta che nel governo Berlusconi è andata avanti a suon di proposte di legge bavaglio per contenere giornalisti e magistrati“. Un dialogo che, aggiunge il quotidiano, “descrive una certa disinvoltura da parte dell’ex primo ministro, e la facilità con cui pensava di esercitare il proprio potere minacciando di mettere sotto scacco quello giudiziario”. L’ispezione richiesta da Briatore, però, non ci fu. Specie perché, pochi mesi dopo, l’ex primo ministro avrebbe rassegnato le dimissioni e lasciato Palazzo Chigi.

Lo yacht di Briatore era stato sequestrato il 20 maggio 2010 dai finanzieri del Gruppo Genova su mandato della Procura del capoluogo ligure e nei giorni scorsi è arrivato l’avviso di chiusura per le indagini preliminari a Briatore e ad altre quattro persone accusate di avere “simulato il noleggio del Force Blue per godere di tariffe agevolate sul carburante”. In sostanza, la Procura sostiene che “dal 2006 al 2010 sono stati acquistati 897mila litri di gasolio senza pagare un milione e 480 mila euro di accise”. In più nelle carte si sottolinea che gli indagati “sottraevano lo yacht al “pagamento dell’Iva dovuta all’importazione per tre milioni e 600mila euro, simulando lo svolgimento di un’attività commerciale di noleggio”.  Briatore, anche se molto probabilmente diventerà imputato nell’inchiesta fiscale, ha già fatto sapere tramite i suoi legali di non volersi sottoporre a interrogatorio, neanche per chiarire davanti ai pm la richiesta di ‘aiuto’ a Berlusconi. Le conversazioni telefoniche trasmesse dai finanzieri svelano colloqui “choc” su Berlusconi e sulle feste di Arcore con Daniela Santanché, dai quali emergeva lo stupore di Briatore per i ‘festini’ del Cavaliere (“Veronica ha ragione, è malato). A questi, ora, si aggiungono le intercettazioni delle richieste di protezione dalle indagini della magistratura rivolti direttamente a Berlusconi. Intercettazioni finite agli atti dell’inchiesta.