Dai saggi al “Fascistellum”, una legislatura sovversiva

Canguri & C - Il programma di governo scritto dagli intellettuali di Re Giorgio; leggi elettorali votate a colpi di fiducie; riforme approvate col Parlamento sotto schiaffo
Dai saggi al “Fascistellum”, una legislatura sovversiva

Era fatale e infatti è successo: Carlo Calenda, il ministro dell’establishment, quello che potrebbe “servire” sotto qualunque governo, invoca addirittura “un’assemblea costituente”. Lorsignori non hanno evidentemente finito con la Costituzione: una politica sempre più in difficoltà nel tradirla, d’altra parte, non può che considerarla un ostacolo sulla strada del cambio di regime e modello sociale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.