SPIAGGE DA RIFARE 9 minuti

Viaggio nel far west delle concessioni balneari

Il caso del Comune di Lecce che, interpellando il Consiglio di Stato, ha anticipato la decisione del Cdm sulle gare. "Pubblica amministrazione assente” per decenni e “un settore che produce un giro d'affari da 15 miliardi di euro a fronte di 100 milioni di euro di canone”: ecco il caos che la liberalizzazione dovrà regolare

Di Mary Tota
21 Febbraio 2022

“Il 2023, anno in cui scadrà la concessione, sarebbero 90 anni da quando mio nonno l’ha stipulata”. Alfredo Prete è imprenditore balneare da tre generazioni. La sua, come le altre 30 mila concessioni in Italia, scadrà il 31 dicembre 2023. Sarà una gara pubblica a stabilire se continuerà a fare quel lavoro oppure no. Anticipando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione