Più vero del vero, più falso del falso. È Il Re Leone anno 2019 della Disney, che rispetto all’originale cartoon del 1994 è molte cose, ma poche in meglio. Per esempio, è più scorreggione: il facocero Pumbaa continua a non trattenersi, però il suricato Timon non censura più, la puzzetta è sdoganata, se non la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mezzo milione di yankee vogliono assalire l’Area 51: “Basta, fateci vedere gli alieni”

prev
Articolo Successivo

Angeli o “sfruttati”? I volontari di Jova 12 ore in spiaggia

next