Dici Luna, anzi “allunaggio”, e subito vieni sopraffatto da ricordi sparsi, senza logica alcuna. Una canzone, per esempio. Domenico Modugno. Anno di grazia 1962. Forse l’aveva ispirato Yuri Gagarin. O Jules Verne? “Selene-ene-a/com’è bello stare qua/selene-ene-a/con un salto arrivo là/è un mistero e non si sa/il peso sulla luna è la metà della metà…”. Le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La direzione degli scavi: “Bonifiche effettuate”

prev
Articolo Successivo

“L’emozione del ‘67-‘69. Vivere e raccontare fatti che saranno storia”

next