Il giorno in cui hanno distribuito il carisma, Eddie Vedder era in prima fila e beveva vino. Barolo, possibilmente. Giusto il luogo magico che lo ha visto protagonista lunedì al Collisioni Festival. L’uomo che nacque icona grunge (e non solo grunge) per poi divenire cantastorie sui generis, unico sopravvissuto o quasi all’interno di quella ecatombe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Effetto Golunov su tutti gli arresti “per droga”

prev
Articolo Successivo

“La buona novella”: De André rivive con Cristiano e la Pfm

next