Il gran maestro Antonio Binni, accento bolognese, espressione bonaria, avvocato classe ’37, irrigidisce la mascella e socchiude gli occhi: “Non mi piace il termine paura: a noi massoni non ci fa paura niente. La politica non ci spaventa”. Binni è il capo della Gran Loggia d’Italia degli Alam, antichi, liberi, accettati, muratori. È un’obbedienza di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Dentro il tempio: “I profani lontano da qui”

next