È stato detto che la democrazia è il sistema di contare le teste invece che di romperle. Vediamo che cosa implica questa definizione dall’aspetto bizzarro. Anzitutto, per rompere o per contare le teste ci vuole qualcuno che le rompa o le conti. Ogni atto di questo genere è un atto di una determinata persona. Ecco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Parnasi-Cionci, altri 50 mila euro prima del voto del 2018

prev
Articolo Successivo

Salvini “regala” alla Raggi la prefetta anti-migranti

next