Dopo una lunga genesi, la Lega ha pubblicato le liste per le Europee: pochi nomi pesanti nel partito (come Susanna Ceccardi) e un fritto misto di parenti e sodali, senza risparmiare qualche indagato. In Puglia, ad esempio, il “Capitano” s’è affidato al caro amico Massimo Casanova, uno dei gestori del Papeete Beach, la spiaggia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La cattiveria

prev
Articolo Successivo

“Salvini mi ha rubato lo slogan e poi mi ha pure rottamato”

next