“Fossi stato in Salvini invece di rottamarmi avrei puntato sull’usato sicuro. Ci sono rimasto male… Ma io sono un soldato della Lega e rispondo: obbedisco!”. Mario Borghezio è stato una delle colonne del Carroccio che fu. Ai suoi comizi le urla e i vaffa, accompagnati dal gesto dell’ombrello, hanno formato decine di dirigenti lumbard. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trasformisti, parenti, indagati e l’amico del mare di Matteo

prev
Articolo Successivo

Pd, la spinta di Zingaretti: Marini costretta a dimettersi

next