Marcello De Vito non perdeva di visto il proprio futuro. A febbraio scorso pensava già a cosa fare dopo la fine del mandato in Campidoglio. E magari puntava a una nomina in Terna – la società quotata in borsa che opera nel settore delle reti per la trasmissione dell’energia elettrica – o anche in Poste […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Roma, indagato Frongia. Di Maio lo fa sospendere

prev
Articolo Successivo

Da Mafia Capitale alla giunta 5 Stelle. Sei anni di terremoto in Campidoglio

next