Un uomo vestito di nero, con il cappotto nero, la tuba nera e persino lo sguardo nero, attraversa a passo svelto le stradine del centro. Tutto intorno è deserto e silenzioso, quanto basta a generare un brivido. Ecco fatto, pensi, mi sono svegliata nel 1700 quasi 1800 e quello è Giacomo Leopardi. Tanto più che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Utrecht, i messaggi di Tanis portano alla pista del terrore

prev
Articolo Successivo

“Sogni, sesso e cuori infranti”: la posta ha svelato le donne

next