Il segno, quel tratto immarcescibile, ovunque nel mondo riconoscibile. Anzi, quei segni, un vero vocabolario redatto e continuamente aggiornato in quasi sessant’anni di mestiere, di arte. Quell’abecedario delle linee, a ognuna delle quali corrisponde un colore, una forma, un concetto, una finestra sull’oltre-reale che Joan Miró, (Barcellona, 1839 – Palma, 1983), pittore, scultore, plagiatore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Con il teatro non si mangia. E il cinema è dei soliti noti”

prev
Articolo Successivo

La Juventus trova i “ragazzacci” dell’Ajax

next