La polemica

“Tempesta emotiva”: cosa dice davvero la sentenza

Il femminicidio di Olga - La pena dimezzata all’assassino in appello: ma i giudici hanno riconosciuto il massimo, al netto delle attenuanti

5 Marzo 2019

Davvero i giudici di Bologna hanno dimezzato la pena (da 30 a 16 anni) in appello, per un femminicidio perché hanno giustificato la “soverchiante tempesta emotiva e passionale” dell’assassino? Ni, viene da rispondere, dopo aver letto le motivazioni del verdetto che ha scatenato un vero putiferio. La sentenza riguarda l’omicidio di Olga Matei, strangolata a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.