“La Fca? Qui a Torino credo sia giusto parlare ancora di Fiat. Per farsi capire soprattutto dalla gente che si ricorda che cosa è stata, com’è ridotta oggi e che cosa rischia di non essere più domani”. Va bene Giorgio Airaudo, chiamiamola come vuole lei. Che della Fiom torinese è stato segretario, prima dell’esperienza in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Fiat, “così il gruppo negli anni Settanta spiava gli operai in Brasile”

prev
Articolo Successivo

Ullallà! La dolce vita riabbraccia Masset, l’ambasciatore franco

next