La memoria dello “Statuto”, cinquant’anni dopo, non può avere un solo compleanno. Ma va scovata, invece, ripensando al titolo di un romanzo di Nanni Balestrini, Vogliamo tutto, e provando ad affondare nei ricordi di un intero biennio, quello tra il 1968 e il 1969, che ridisegnò il mondo, e un po’ anche l’Italia, a cominciare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Statuto dei lavoratori, 50 anni fa la legge dei diritti si prese la fabbrica

prev
Articolo Successivo

Prima Brodolini, poi Donat-Cattin: due facce per un solo riformismo

next