Due “padri”: Giacomo Brodolini, il socialista, e Carlo Donat-Cattin, il cattolico democratico. E due grandi “madri”: due delle “levatrici” ideali della politica e della società del Novecento, il socialismo riformista e la dottrina sociale della Chiesa. Per li rami, l’identità essenziale dello Statuto dei Lavoratori – oltre che nelle lotte operaie dell’Autunno Caldo del 1969 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Vogliamo tutto”: l’Autunno caldo che mutò l’Italia

prev
Articolo Successivo

Statuto dei lavoratori, ora servono nuovi obiettivi: dal salario minimo all’abolizione del cottimo

next