» Politica
domenica 17/02/2019

Bossi ricoverato, in ospedale solo Giorgetti e Fontana. Leoni: “Lasciato solo? Per gli amici dell’Umberto c’è la scomunica”

Potere e politica - La solitudine del Senatur

“La politica va così, per gli amici dell’Umberto oggi c’è la scomunica”. Umberto è lui, Bossi, ricoverato all’ospedale di Circolo di Varese a causa di un malore che lo ha colto nel pomeriggio di giovedì nella sua casa di Gemonio. Se non fosse per gli articoli di giornale e il piantone all’ingresso, la sua vicenda si confonderebbe con quelle delle decine di degenti che ogni giorno fanno dentro e fuori dai reparti. Per il vecchio capo solo pochi nostalgici e una manciata di colonnelli decaduti si prodigano in messaggi di vicinanza. “Umberto è forte, è qui per una caduta in casa”, si affretta a chiarire Francesco Enrico Speroni, figura della vecchia Lega, con il Nord nel nome e nel cuore. Niente a che vedere con quello che era capitato nel 2004: “Per fortuna non sono state riscontrate lesioni al cervello”, ha raccontato mentre venerdì pomeriggio lasciava il reparto di rianimazione dove ha incontrato la moglie e i figli del Senatur.

Poco prima era arrivato Giancarlo Giorgetti, entrato dalla porta principale, uscito dal retro. Oltre al sottosegretario s’è fatto vedere solo il governatore Attilio Fontana. L’elenco termina qui, nessuna sfilata di volti noti. Qualche messaggio di sostegno, un paio di comunicati, roba di circostanza: “Ho parlato con la moglie – dice ancora Speroni – mi ha detto che hanno scritto tutti, privatamente, anche Salvini. Del resto i medici dicono di non disturbarlo”.

La sostanza è che Matteo Salvini, impegnato nella campagna elettorale in Sardegna, non ha voluto “inquinare” la sua bacheca Facebook con un messaggio pubblico dedicato al fondatore del Carroccio e nessuno dei luogotenenti ha fatto capolino. “Sono uomini. È normale. Hanno paura di finire sulla lista nera”. Parola di Giuseppe Leoni, al fianco di Bossi fin dai tempi delle Lega autonomista lombarda e primo deputato leghista nel 1987. E lui la “scomunica” la sta scontando da tempo: “Per me un amico è un amico sempre, anche quando le cose si mettono male”. Poi mette le mani avanti: “Bisogna dare atto a Salvini che ha saputo portare il partito a un livello mai raggiunto. Purtroppo adesso che abbiamo i numeri non si fanno le riforme che volevamo”. E, continua: “Nel partito c’è gente che andava all’asilo quando noi facevamo la rivoluzione. Gente che si metteva le mutande verdi e ora non ricorda nemmeno il colore. Avevo una nonna saggia che mi diceva sempre ‘se vuoi la riconoscenza, devi comperare un cane’. Aveva ragione lei”.

Umberto Bossi, per la sua eredità politica, gli eccessi personali e i guai giudiziari, non è certo un fardello facile da portare per la Lega a trazione salviniana. Sarà per questo che da quando è caduto in disgrazia è sempre stato tenuto ai margini del partito. Un padre tutt’altro che nobile, uno di cui meno si parla, meglio è. Mica che ci si ricordi dei 49 milioni scomparsi e di tutte quelle storiacce che hanno insozzato il partito in cui è cresciuta l’attuale classe dirigente. La canottiera, il sigaro, le ampolle e tutto il bagaglio dell’epopea bossiana appartengono ormai a un passato lontano. Bossi è incompatibile con la nuova Lega: è quello che odia i terroni. Quello che ha fatto gli inciuci con Berlusconi. Quello dei diamanti in Tanzania. Bossi è il parente scomodo da tenere fuori dalla porta.

“Son sempre andato a trovarlo alla Vigilia di Natale, per gli auguri – racconta Leoni con una vena di amarezza nella voce –. C’erano anni in cui non riuscivi a entrare in casa per i regali e le persone che c’erano davanti alla porta. Negli ultimi tempi però siamo solo in due. Io e lui. L’ultima volta ci sono andato per l’Epifania. Era provato, pensieroso per la questione del processo di Milano. Anche i figli erano preoccupati. I magistrati non scherzano. Se vai in mano a quella gente lì non sai mai come va a finire. Poi è giusto che se qualcuno ha sbagliato paghi”.

A ricordareche all’ospedale di Varese è ricoverato uno dei protagonisti della politica degli ultimi trent’anni, ci sono i cronisti. Telecamere, taccuini, microfoni. Uno dei pochi volti da inquadrare è quello di Giuliano Burtini. Bicicletta e bandana verde in testa. Ha portato i cimeli della vecchia Lega. Sfodera una maglietta col volto di Bossi e la scritta 100% Varesòtt: “Questa è originale! Avrà più di 20 anni”. È di un verde un po’ slavato, consumata da sole e sudore. Il leghista 1.0 mostra anche la patacca della Guardia nazionale padana (altra epoca, altre divise): “È quella delle camicie verdi. Bei tempi quelli. Andavo a Pontida in bicicletta e per strada tutti mi salutavano, suonavano il clacson. Una festa continua. Non ho smesso di andarci, ma non c’è più l’entusiasmo di quando avevamo la speranza che qualcosa potesse cambiare”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Replica Bressa: “Iniziò con te”

Renzi vs Gentiloni: “L’autonomia così io non l’avrei fatta”

L’autonomia differenziata per le regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto fa litigare tutti. Si discute con una certa durezza all’interno del governo, tra 5 Stelle e Lega, all’interno del centrodestra (con Berlusconi che prevede su questo la caduta del governo) e si litiga anche nel Pd, che potrebbe per una volta starsene a guardare. I piedi nel piatto, come spesso gli capita, li ha messi Matteo Renzi, che continua nel suo tour per vendere il nuovo libro Un’altra strada: “Non ho mai apprezzato quel disegno sull’autonomia – ha detto ieri mattina vicino Bologna – e di conseguenza rispetto il percorso che stanno facendo, ma è un percorso che non ho fatto e non avrei fatto. È un tema che si pone non da oggi, è una discussione aperta col governo Gentiloni, non col governo Renzi…”. Un’accusa in piena regola a Gentiloni e al governatore emiliano del Pd Stefano Bonaccini (che ha chiesto più poteri per la sua regione), a cui ha replicato Gianclaudio Bressa, l’ex sottosegretario che il 28 febbraio 2018 pose la sua firma sotto le pre-intese con le Regioni: “L’intera trattativa è cominciata il 16 maggio del 2016 con una lettera dell’allora ministro Enrico Costa, quindi in pieno governo Renzi”.

Cronaca

“Li hanno resi fantasmi e quello è il loro rifugio”

Politica

Quelle pizze col guerriero Umberto

Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande
Politica
Miliardi rossi - Tre giorni di firme e visite blindate

Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×