È una “grande caccia”. Da una parte le migliaia di opere d’arte sottratte al nostro Paese: rubate durante le guerre, saccheggiate da criminali, mafiosi e lestofanti, trafficate da mercanti senza scrupoli. Dall’altra chi si è dedicato e si dedica al loro recupero, come fosse una “missione”. “Ci auguriamo che nel corso di quest’anno possa essere finalmente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La forza dei gialloverdi è il patto del Nazareno”

prev
Articolo Successivo

Com’è nato il museo dell’arte in ostaggio

next