Mamma, ho perso il Munch. Anzi, sei Munch. O meglio, altri sei Munch. Non c’è pace per il pittore norvegese, figura chiave dell’espressionismo, la cui eredità è stata oggetto di numerose rapine anche in passato. La settimana scorsa, in seguito a un’inchiesta giornalistica di Dagbladet – uno dei principali quotidiani norvegesi –, il museo Munch […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Blob di fine anno, niente e nessuno resterà impunito

prev
Articolo Successivo

Per necessità o per marketing: quando le donne non firmano

next