Nell’agosto del 2010 il professor Gabriele Fangi, docente di topografia e cartografia dell’Università Politecnica di Ancona, si trovava ad Aleppo. Esperto ed appassionato di Siria e delle sue ricchezze archeologiche e artistiche, scattò delle foto molto approfondite della Grande Moschea, soprattutto del suo splendido minareto, eretto nell’VIII Secolo e rarissimo pezzo di magnificenza. Non immaginava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sant’Orsola abbandonata, ferita nel centro di Firenze

prev
Articolo Successivo

Per me chi guarda X Factor è in pessimo Stato Sociale

next