Le nuove norme sull’immigrazione viaggiano insieme con quelle sulla sicurezza – segno tangibile della loro equiparazione politica – e occupano le prime 14 pagine del decreto “Salvini” licenziato ieri dal Consiglio dei ministri. Il decreto immigrazione e sicurezza – ha commentato il ministro dell’Interno – è “stato approvato all’unanimità, dimostrando come fossero inesistenti le polemiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Decreto sicurezza e migranti, “recepiti” i paletti: la tregua armata tra Lega e Quirinale

next