Lungo il confine tra Moldova e Ucraina, al di là del fiume Dnestr, c’è una striscia di terra chiamata Transnistria, abitata da poco più di mezzo milione di persone e dotata di un governo indipendente. Ha una moneta, una costituzione, un esercito e un inno nazionale ma non è ufficialmente riconosciuta dalle Nazioni Unite. In […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Prove pentastellate di establishment (tra baci sovietici)

prev
Articolo Successivo

“È inaccettabile l’avidità di certi imprenditori italiani”

next