Rubato una notte di pioggia da una batteria di ladri, poi consegnato alla mafia e rivenduto in Svizzera a ricettatori senza scrupoli che l’hanno frantumato in sei-otto parti, come sostiene la commissione Antimafia, oppure ancora integro nel suo originario splendore e conservato a casa di un boss palermitano, come sostiene uno dei collaboratori più informati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cave, l’affare delle concessioni: “Affittate per 27 milioni, rendono un miliardo”. L’indagine a Napoli: acqua contaminata per incendi sul Vesuvio

prev
Articolo Successivo

Processo a Chinnici

next