Questo governo è il riflesso di una società come quella spagnola che non perde la speranza”, con queste parole il neo-presidente Sánchez – che lo scorso sabato aveva promesso fedeltà alla Costituzione facendo a meno dei simboli religiosi – ha presentato ieri il suo governo “aperto, progressista, modernizzatore e europeista. Proposto dal Psoe, ma che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Nazionale degli incarcerati da Al-Sisi

prev
Articolo Successivo

L’Europa fa pagare The Donald: tariffe doganali su jeans e whisky

next