“Eppure tutti la immaginavano trasteverina. Ma lei è nata e cresciuta a Testaccio. Era il suo quartiere, la sua Roma, quella che ha dovuto abbandonare perché non poteva più permettersi di abitarci”. Il figlio di Gabriella Ferri, Seva Borzak “è felice che parte delle sue cose tornino a casa”. Il motivo lo darà la mostra, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Una famiglia di investigatori e quel gioiello scomparso

prev
Articolo Successivo

Così Manuel lo spietato torna Agnelli e pare Bonolis

next