Era il 22 aprile 2014 quando, firmando l’atto sulla desecretazione dei documenti relativi a una lunga serie di terribili eventi (da Piazza Fontana al Rapido 904 e al caso Moro), l’allora premier Matteo Renzi parlò di “trasparenza come qualificante dell’azione del suo governo”, di “dovere nei confronti dei cittadini e dei familiari delle vittime di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Errori, proteste e sospetti. La guerra M5S per le liste

prev
Articolo Successivo

Consip, archiviazione per Woodcock-Sciarelli: nessuna fuga di notizie

next