» Italia
giovedì 02/11/2017

Centro Olio Eni, ai pm la lettera dell’ex direttore suicida: “L’Eni sa dei veleni dal 2012”

Viggiano - L’ex responsabile dell’impianto lucano, scomparso e poi trovato impiccato nel 2013: “I vertici hanno nascosto le fuoriuscite di greggio”

C’è una lettera testamento tra documenti acquisiti dalla Procura di Potenza che indaga sull’inquinamento del Centro olio (Cova) dell’Eni di Viggiano (Potenza). È di Gianluca Griffa ex responsabile dello stabilimento lucano, scomparso e poi trovato impiccato nell’agosto del 2013. Ma cosa dice questa lettera di così importante? Il contenuto, rivelato da La Nuova del Sud online e dal Quotidiano del Sud, scotta. Secondo quanto riportato dal quotidiano le fuoriuscite di greggio dai serbatoi del Cova sarebbero avvenute nel 2012 ma poi “per ordini superiori” – si legge – sarebbero state nascoste “per non fermare la produzione” fino a gennaio di quest’anno. Quindi, secondo la lettera, i vertici Eni sapevano dei pericolosi sversamenti di greggio già cinque anni fa.

All’inizio del 2017, come raccontato dal Fatto, si è verificata una fuoriuscita di greggio che ha portato Eni ad ammettere uno sversamento di 400 tonnellate tra agosto e novembre dello scorso anno. A metà aprile poi la Regione Basilicata ha deciso di chiudere il Cova per il mancato rispetto di alcune prescrizioni ambientali. Dopo tre mesi, il 18 luglio scorso, lo stabilimento è tornato a funzionare. Se il contenuto della lettera di Griffa dovesse trovare riscontro però, le fuoriuscite sarebbero avvenute già nel 2012.

La lettera dell’ingegnere 38enne di Montà d’Alba (Cuneo) era indirizzata ai carabinieri di Viggiano e agli ispettori di polizia mineraria (Unmig) del ministero dello Sviluppo economico. Sarebbe stata scritta poco prima del suicidio e potrebbe essere determinante per il proseguimento delle indagini.

I pm di Potenza che indagano sulle attività dell’Eni in Basilicata avevano disposto di sentire tutti i dipendenti del Cova per raccogliere informazioni sul loro stato di salute. Secondo il Quotidiano del Sud l’ingegnere Griffa si sarebbe suicidato perché non sarebbe riuscito a far “convergere l’azienda a più miti consigli” sulla gestione del Cova. Griffa era preoccupato dai livelli eccessivi di corrosione dei serbatoi dai quali sono poi avvenute le perdite ed era convinto che “se fosse emerso il problema all’esterno sarebbe stato considerato unico responsabile”.

Nella lettera Griffa descrive un incontro che sarebbe avvenuto nel febbraio del 2013 con altri dirigenti locali della compagnia petrolifera durante il quale gli sarebbe stato impedito di portare allo scoperto la situazione. Poi però aggiunge di essere riuscito in qualche occasione ad imporre ai tecnici di ridurre la portata dell impianto. Questi però non appena Griffa si assentava avrebbero ripristinato le impostazioni iniziali.

Le sue preoccupazioni gli sarebbero costate ferie forzate, rimozione dall’incarico e una convocazione nella sede di Milano il 22 luglio 2013. Ma quattro giorni dopo il giovane ingegnere piemontese fece perdere le sue tracce. Fu trovato impiccato in circostanze non del tutto chiare in un bosco di Montà d’Alba in provincia di Cuneo.

“La notizia riportata da La Nuova del Sud non può passare sotto silenzio soprattutto perché rappresenta l’ennesimo tassello che va a comporre un quadro drammatico e sconcertante”, ha detto il consigliere regionale del M5s, Gianni Leggieri. “Un quadro – aggiunge Leggieri – che getta ombre sempre più lunghe sulla gestione politico-amministrativa della vicenda petrolio nella nostra Regione e soprattutto desta non pochi legittimi sospetti sull’operato di questi anni di Eni”.

di A.Massari e M.Totaro

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Banca Centrale Usa

Trump sceglie il nuovo capo della Fed: è Jerome Powell

La nomina è arrivata ieri in modo ufficioso: Donald Trump ha scelto Jerome Powell come presidente della Fed al posto di Janet Yellen, dal 2012 membro del board della Fed. La Casa Bianca ha notificato a Powell la decisione del presidente, che ha avuto un colloquio con il governatore della Fed martedì. A dare per primo la notizia, il Wall Street Journal citando alcune fonti. L’annuncio ufficiale è atteso per oggi. La nomina di Powell è vista come in continuità con la presidenza della Yellen, membro del board che pur essendo repubblicano si è dimostrato suo alleato. La sua è quindi una garanzia di continuità nella politica monetaria ma anche la possibilità di un allentamento delle regole delle finanza. Ha lavorato nell’amministrazione Bush e con Carlyle Group. Trump, nei giorni scorsi, ha definito “Eccellente” Janet Yellen, il governatore della Federal Reserve il cui mandato scadrà nel febbraio del 2018. Le parole del presidente degli Stati Uniti sono arrivate prima di un incontro nella Cabinet Room della Casa Bianca con la sua squadra di governo.

Economia

Sangue tra fratelli, horror in villa Massoni

Italia

Testamento biologico, l’allievo di don Milani: “La Sla è atroce, subito la legge sul fine vita”

“Io, posseduta fin da piccola: giravo i piedi all’incontrario”
Italia
L’intervista

“Io, posseduta fin da piccola: giravo i piedi all’incontrario”

di
Più insulti gli immigrati, più ti invitano nei talk
Italia
Il personaggio

Più insulti gli immigrati, più ti invitano nei talk

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×