Il parroco di Milano. L’uomo che accettò di guidare la Chiesa ambrosiana dopo un gigante come Carlo Maria Martini. Ma anche il cardinale di Genova nei giorni del G8. Dionigi Tettamanzi, morto ieri nella Villa Sacro Cuore di Triuggio (Mb) all’età di 83 anni, nel suo sacerdozio ha affrontato grandi prove di fronte alle quali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Stavolta a Cortina d’Ampezzo la valanga è di fango

prev
Articolo Successivo

Tra il dire e il fare (il blocco navale) c’è di mezzo il mare

next