“Ciao Germana, ti mando un aggiornamento: il neo non migliora. È ancora più gonfio, sanguina e fa male. Forse non ho capito niente dei segnali che arrivano. E lui peggiora”. Sono le parole che Marina Lallo, una donna di 54 anni scrive al suo medico di base, la dottoressa Durando che per 9 anni l’ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Pensiero o azione? Politica e politologi separati in casa

prev
Articolo Successivo

“Le istituzioni si facciano un esame di coscienza”

next