Un atto d’accusa durissimo al processo di ricostruzione post-terremoto in Lazio, Marche e Umbria pronunciato – e a voce bella alta – dallo stesso responsabile governativo di quella ricostruzione: il commissario Vasco Errani. E non in un fuorionda rubato, ma durante una riunione – lo scorso 15 febbraio – ad Ancona con gli amministratori locali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria 2302

prev
Articolo Successivo

Vasco prepara l’addio? “Parlo solo a Ravenna”

next