“Oczy Mlody”

Giostra Flaming: altro giro, vecchia corsa

Il luna park di Wayne Coyne, Michael Ivins e Steven Drozd è ancora aperto, ma le formule, dopo oltre trent’anni di frutta candita e arcobaleni, sono sempre le stesse

13 Gennaio 2017

La mente di Wayne Coyne è sempre stata un luogo accogliente e inquietante. È lì, nelle sinapsi di questo eterno bambinone degli anni Sessanta (oltre che nelle idee dell’inseparabile partner Steven Drozd) che risiede il mondo di frutta candita, arcobaleni, aspirazioni psichedeliche e paure inconfessabili che da sempre costituisce lo sfondo sul quale si proiettano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui