Gelasio Gaetani d’Aragona Lovatelli è prima di tutto un dandy. E lo è in quella sfumatura delineata dall’inventore della categoria, Beau Brummell, ossia che lo spessore aristocratico sta più nello spirito che nella lunghezza del cognome. Lui, che discende da un’importante famiglia nobile italiana – nel suo albero genealogico ci sono tre papi, tra cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Duemila esuberi in Alitalia”. Ma è meglio dirlo dopo il voto

prev
Articolo Successivo

Le segnalazioni

next