Venerdì è iniziata con Luca Lotti che abbracciava e baciava tutti. Volontari, ospiti, servizio d’ordine. Sorridente e festoso come non mai. È proseguita sabato con Maria Elena Boschi, apparsa solo per personalizzare la riforma costituzionale e tenuta ben distante dal palco e nascosta. E si è conclusa ieri con Matteo Renzi che ha mitragliato slogan […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La Leopolda della paura: Renzi evoca l’Apocalisse

prev
Articolo Successivo

Cuperlo&Richetti, i ‘redenziani’ placati con un piatto di lenticchie

next