Uno “sconto di quasi mezzo milione di euro”, un grande imprenditore che fornisce le sedi al Campidoglio e non solo, un dirigente del Comune di Roma che sedeva nell’ufficio delle Politiche abitative. Sono gli ingredienti dell’ultima storia rivelata dall’Espresso su Raffaele Marra, l’uomo che la sindaca Virginia Raggi aveva scelto come vice capo di gabinetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Confindustria Giovani e Aspen: gli inviti e il bivio di Di Maio

prev
Articolo Successivo

Le verità di Genchi ora rischiano una condanna

next