Ricordo gli sguardi di odio: mentre ci aggiravamo nelle fabbriche fingendo di essere dei compratori, i lavoratori ci guardavano con rabbia. Per loro eravamo il nemico: la maggior parte degli italiani e degli stranieri che va in Bangladesh, ci va per lo sfruttamento della manodopera dell’industria del tessile”. A inizio 2014, Liza Boschin ed Elena Marzano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Anche il sangue dell’Italia nel massacro di Dacca

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next