Prima di salire sul ring, declamava poesie in rima baciata scritte di suo pungo in cui esaltava se stesso e umiliava l’avversario. Poi durante gli incontri parlava sempre, a volte urlava, perché lo sentisse bene anche il pubblico. Non ha mai rifiutato un’intervista, nemmeno da campione del mondo e con due ragazzini di un liceo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un voto all’anno (spesso) leva il governo di torno

prev
Articolo Successivo

Valanga di “No” per il reddito di cittadinanza da 2.500 franchi

next