Matteo non fa prigionieri. Giro di nomine punitive

Inizia la “bonifica” di Palazzo Chigi e l’occupazione del Consiglio di Stato

7 Maggio 2016

Matteo Renzi ha un difetto, mai smussato, che gli contestano pure gli amici: è sospettoso. E l’istinto lo spinge a rottamare se stesso e poi i collaboratori più fidati. A Palazzo Chigi c’è tensione. Nessuno è immune. I primi bersagli per dare un segnale a tutti Antonella Manzione è sbarcata al governo tra malignità e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui