L’ultimo cda

Bazoli, il banchiere di Dio obbligato a comandare

Lascia Intesa. Il potere iscritto nel Dna, si ritrovò capo della “finanza cattolica” a 50 anni: non è riuscito a farne una classe dirigente potabile

28 Aprile 2016

È come avere davanti il proprio film”, ha detto ieri Giovanni Bazoli, detto Nanni, all’ultima assemblea da presidente di Intesa Sanpaolo. Ha fatto il modesto come al solito, l’arma segreta con cui ha battuto i più cinici pescecani (vedendolo pacato e remissivo, lo sottovalutavano). Ieri tutta l’Italia ha rivisto il suo film, iniziato il 3 agosto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.