Luisella Costamagna

Né sognatore, né despota: parlava una lingua diversa

13 Aprile 2016

Non ho mai conosciuto di persona Gianroberto Casaleggio, e forse è giusto così. Perché Casaleggio era uno che dovevi vedere e ascoltare da lontano. Il suo essere defilato, in epoca di disperati presenzialismi, non era accessorio ma sostanza. Molti di coloro che in queste ore twittano pelose condoglianze lo hanno accusato in vita delle peggiori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui