/ di

Marco Lillo Marco Lillo

Marco Lillo

Giornalista e scrittore

Sono nato a Roma nel 1969. Ho scritto “Il Bavaglio” nel 2008 e “Papi” nel 2009, entrambi con Gomez e Travaglio per Chiare Lettere, e “Reperto Raiot”  (venduto con il dvd di Sabina Guzzanti) per Bur. Con Udo Gumpel ho  realizzato nel 2010 il dvd “Sotto scacco”, allegato al Fatto Quotidiano, sui rapporti tra mafia e politica, da Capaci al processo Dell’Utri. Nel 2009 mi è stato assegnato il Premio Borsellino. Oggi potevo essere un avvocato tributarista ma nel 1994 ho lasciato lo studio associato dove lavoravo per ripartire dalla scuola di giornalismo. Mi piaceva l’idea di raccontare il mondo. Poi ho scoperto che il mondo è peggiore di come mi era stato raccontato e sono diventato un giornalista investigativo. Dopo 9 anni a L’Espresso nell’estate del 2009 ho cambiato ancora per partecipare alla fondazione del Fatto Quotidiano. In via Orazio c’era una stanza vuota. Grazie ai lettori oggi c’è un grande giornale.

Articoli Premium di Marco Lillo

Cronaca - 15 dicembre 2018

Condotte (poi fallita) dava incarichi al Giglio Magico

La fresa del gruppo Condotte per scavare il buco del passante dell’alta velocità a Firenze doveva avere un nome femminile. “La precedente fresa – spiega Antonio Picca, presidente di Nodavia, parte del gruppo Condotte – si chiamava Monna Lisa e quando arrivò quella nuova, nel 2016, ricordo che Duccio Astaldi (marito dell’allora titolare Isabella Bruno) […]
Storia di Copertina - 10 dicembre 2018

Spazza-corrotti e stop bavaglio però che figura con Di Matteo

La riforma migliore del governo M5s è una non riforma: lo stop al bavaglio alle intercettazioni concepito dal Pd dopo il caso Consip. Bene anche lo spazza-corrotti. Finalmente i finanziamenti alle fondazioni e associazioni politiche dovranno essere pubblicati come quelle ai partiti. Così le “elargizioni” come quelle di Parnasi alla Eyu vicina al Pd o […]
Politica - 1 dicembre 2018

Guai, scuse e verità: due padri a confronto

Antonio Di Maio e Tiziano Renzi. Due padri che hanno messo nei guai (mediatici) i figli. Due atteggiamenti diversi verso la stampa almeno finora. Antonio Di Maio ha consegnato una confessione senza se e senza ma al Corriere della Sera. Il padre del leader M5S ha ammesso di avere impiegato operai in nero nell’impresa edile […]
Commenti - 30 novembre 2018

Luigi Di Maio lavorava in nero col papà? Allora scatenatevi anche su Renzi

Il tabulato a fianco è l’estratto degli attivi dell’Inps. Il documento certifica i “montanti contributivi” di Matteo Renzi anno per anno con accanto i giorni lavorati, il tipo di contratto e i contributi versati dalle aziende e dagli enti che hanno avuto rapporti con l’ex leader Pd. Il tabulato risale al marzo 2015 e a […]
Italia - 28 novembre 2018

Non tutti i padri sono uguali: conta cosa fanno sfruttando la posizione dei figli

Di Maio ha annunciato che entro la fine dell’anno venderà, insieme alla sorella, la società Ardima Srl. Una scelta opportuna e non scontata che il Fatto aveva sollecitato ieri in un articolo basato su considerazioni ovvie. Finora grazie alle inchieste de Le Iene è emerso che l’azienda dei genitori del vicepremier ha usato tre o […]
Commenti - 27 novembre 2018

Luigi Di Maio ceda le quote della società del padre. Il vicepremier non può restare ostaggio

Luigi Di Maio non ha fatto nulla di male ma il suo ruolo di leader del primo partito italiano gli impone di cedere le quote della Ardima Srl. Per rispetto agli italiani che hanno votato M5s deve porre fine allo stillicidio sulle presunte irregolarità commesse nel precedente decennio dalla Ardima Costruzioni di Paolina Esposito, gestita […]
Politica - 26 novembre 2018

“Morte della politica nell’era della Lega. Questo è il mio film”

Ne hanno già parlato The Guardian, La Vanguardia, Le Monde, Suddeutsche Zewitung e la Bbc. Oggi esce nei cinema (solo per due giorni e in 230 sale) “Il Sindaco, Italian Politics for Dummies”. Un film in presa diretta dentro la pancia della politica italiana. Ismaele La Vardera, in forza a Le Iene, si è candidato […]
Cronaca - 17 novembre 2018

“Mai parlato di Consip con Ferrara e Marroni”

Il capo di Stato maggiore dei Carabinieri, Gaetano Maruccia, ha chiamato la segreteria della Consip per cercare il presidente Luigi Ferrara il 25 luglio 2016. Poco dopo c’è la fuga di notizie. La Procura apprende della telefonata il 17 marzo 2018 dal generale Sergio Pascali e dal tenente colonnello Fabio De Rosa arriva la conferma […]
Cronaca - 16 novembre 2018

Il generale Maruccia e la strana telefonata ai vertici della Consip

Una telefonata dal Comando generale dei carabinieri alla Consip poche settimane prima della fuga di notizie letale per l’inchiesta. La riporta la segretaria del presidente Consip a Luigi Ferrara mentre è intercettato e poi la svela ai pm (ignari) l’ex comandante del Noe, Sergio Pascali. Non in un’informativa dei suoi uomini ma in un suo […]
Cronaca - 15 novembre 2018

“Volevano far fuori Ultimo, intercettò il ministro Pinotti”

Sergio Pascali è andato in pensione a 63 anni da generale di Brigata. Era il comandante del Nucleo Tutela Ambiente, il celebre Noe che ha svolto le indagini sull’allora Comandante dei carabinieri Tullio Del Sette, sull’allora ministro Luca Lotti e su Tiziano Renzi. Tullio Del Sette non si è astenuto e ha preso parte alla […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×